Giovanni Guidi
The Unknown Rebel Band

album cover: The Unknown Rebel Band

07.09.09

Cam Jazz

Featured Artists

  • Giovanni Guidi
    • Piano
  • Mauro Ottolini
    • Trombone
  • Mirko Rubegni, Fulvio Sigurtà
    • Tromba
  • Dan Kinzelman
    • Sax tenore
  • Daniele Tittarelli
    • Sax alto
  • David Brutti
    • Sax basso
  • Giovanni Maier
    • Contrabbasso
  • João Lobo
    • Batteria
  • Michele Rabbia
    • Percussioni
album cover: The Unknown Rebel Band

Ascolta

The Unknown Rebel Band - foto di: PH. ANDREA BOCCALINI
The Unknown Rebel Band - foto di: PH. ANDREA BOCCALINI

PH. ANDREA BOCCALINI

È la mia prima colonna sonora per un film che non sarà mai girato. Da quel momento avevo deciso che avrei cominciato a comporre i miei dischi così. Musica che potesse evocare, che potesse raccontare di un sogno, un sogno mio che poteva essere parte di un immaginario condiviso. Ho raccontato gli eroi di cui non sappiamo i nomi.
L’unknown Rebel è lo studente cinese che si mise di fronte i carri armati a Tiananmen. I miei eroi sono i partigiani, gli indiani, i napoletani che liberarono Napoli dal nazifascismo; sono i compagni e le compagne di Mandela; sono gli indiani di Wounded Knee. C’è la legge Basaglia, c’è la Primavera di Praga, c’è il Partigiano Johnny.
Il gruppo è meraviglioso: c’erano tutti i giovani che ora sono affermati e ancora unici. Poi c’è la poesia di Michele Rabbia, unica e indispensabile. Ci sono gli arrangiamenti di Dan Kinzelman, l’unico che sapeva capire tutto quello che non dicevo. È il mio primo disco per il pianeta terra.
La terra vista da lassù senza confini e senza frontiere.


Tracklist

  1. 1 Unknown Rebel With White Shirt
    ( The Unknown Rebel Band )
    1:52
  2. 2 Prazske Jaro
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    5:00
  3. 3 Wounded Knee
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    3:08
  4. 4 Il Partigiano Johnny
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    5:12
  5. 5 Napoli 27-30 Settembre 1943
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    8:32
  6. 6 Paisà
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    2:01
  7. 7 Sono Sethu Ubumnyama
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    5:27
  8. 8 Guernica
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    3:38
  9. 9 The Uprising Of 20000
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    1:39
  10. 10 180 78
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    4:13
  11. 11 Garage Olimpo
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    2:44
  12. 12 Unknown Rebels
    ( Giovanni Guidi, The Unknown Rebel Band )
    3:14


Giovanni Guidi, nonostante la sua giovane età, ha al suo attivo un curriculum davvero notevole: per citarne solo una parte, la ripetuta militanza con Enrico Rava, la collaborazione con Gianluca Petrella nella Cosmic Band, tre cd in quartetto, una corposa attività concertistica. E ora, la prova con una grande formazione, ben dieci elementi, la scelta di un nome fresco e battagliero, The Unknown Rebel Band, un omaggio engagé ai combattenti per la libertà. Con le sue parole, "una suite per donne e uomini ribelli, il cui nome è rimasto nell'ombra. Ribelli di tempi diversi, di diverse parti del mondo. Una composizione in cui voci di donne e uomini senza nome possano emergere dal silenzio, distinguersi e allo stesso tempo anche mescolarsi in un coro, per la comunanza di ideali che ha segnato le loro vite." I titoli stessi dei brani parlano, raccontano l'omaggio sincero ai protagonisti della Resistenza italiana, alla Primavera di Praga, ai desaparecidos argentini, alla legge per l'abolizione dei manicomi, alle lotte anticolonialiste in Sudafrica e in Algeria, agli indiani d'America massacrati, alla rivolta di Piazza Tien An Men, alla lotta contro il franchismo, al G8, all'onda studentesca.
(Jazz Italia)

Il modello di riferimento, tanto per scoprire subito le carte, è la Liberation Music Orchestra di Charlie Haden, sia per la fortissima connotazione politica del progetto, sia per la vocazione folklorico-popolaresca della musica, che di volta in volta si tinge dei colori delle terre, e delle storie, che vuole raccontare: l'Est Europa e il Sudamerica, il cortile di un reparto psichiatrico, il Sud dell'Italia, Napoli al tempo della Seconda Guerra Mondiale, l'estremo Oriente, l'Africa e chissà quale altro angolo di mondo.Una sorta di suite-omaggio, dunque, quella proposta da Guidi, suite-omaggio ai ribelli di ogni epoca e paese, anonimi combattenti della e per la libertà.
(Aaj Italy Staff, All About Jazz)


Condividi questa pagina

Torna alla pagina Discografia

^
Torna su

Management
Malcolm Angelucci

+39 3463181225
[email protected]

Official Booking Agent
for France

Marion Piras INCLINAISONS
109 rue Gambetta - F33200 Bordeaux
+33 (0)535 38 27 86
+33 (06) 08 42 13 88
[email protected]
www.inclinaisons.com
www.facebook.com/Inclinaisons

Official Booking Agent
for Germany

Uli Fild - Concertbüro
Pestalozzistraße 28
42579 Heiligenhaus Germany
+49(0) 20548 6517
[email protected]
www.fild.de

Official Booking Agent
for Asia / Middle East

Claudio Angeli - New Age Productions
+39 349 2416738
[email protected]
www.newageproductions.it

 

Privacy policy

 


Giovanni Guidi
P.IVA 02848070542

 

Da capire quale form/provider usano per la newsletter

Legend